L’uomo vale perché lavora

luomovaleperchelavora146

 

a cura di Bruno Bignami

 

“L’uomo vale perché lavora …  Quanto al pane, non dite anche voi che chi lavora mangia poco e male e ha una sola camicia e chi non lavora mangia molto e bene e porta due camicie? Lavorare per mangiare: mangiare per lavorare! Se il ciclo dell’uomo è chiuso tra questi due momenti, non val la pena di fare l’uomo. Non c’è pane che basti, Non c’è denaro che paghi il lavoro dell’uomo, come non basta parlare di solidarietà, di benevolenza umana, di ragione sociale per dare un fondamento alla mia devozione verso gli altri”

Read More